lunedì 24 febbraio 2014

SPECIALE - Lezioni di swordplay #02: Metal Gear Rising - consigli sulle ranged weapons e sulle amputazioni

PC | PS3 | XBOX 360

Una delle difficoltà maggiormente riscontrate dai giocatori in Metal Gear Rising mi sono accorto risiedere nell'utilizzo delle ranged weapons.
Dunque la lezione di oggi verterà proprio su questi simpatici strumenti, spesso risolutivi di situazioni altrimenti poco domabili e gestibili.


Innanzitutto il modo più rapido per accedere al menù di selezione di dette armi è blade cancellare l'animazione in corso (per maggiori info sul blade canceling qui) e subito in uscita dalla blade mode agire sul d-pad per aprire il menù.
A quel punto scegliete lo strumento più appropriato per la situazione, tenendo presente che sia che per le granate che per i razzi esiste la possibilità di quickshot, cioè di sparare con pressione rapida del tasto senza transitare per la modalità a mira manuale con visuale sulla spalla.

Personalmente le mie due opzioni preferite sono i razzi a ricerca e le granate EM.
Per i razzi tenete sempre conto del fatto che come nei passati lavori del team di sviluppo è possibile cancellare il reload time, nel caso di Rising a mezzo della solita blade cancel.
Le granate EM sono invece uno degli strumenti principe per il crowd control date le loro capacità di stun ad area. Non c'è modo migliore di sfoltire un gruppo nemico particolarmente indomabile stordendo tutti con una di queste granate per poi procedere all'eliminazione del malcapitato preferito.

Infine non sottovalutate mai l'importanza della balde mode per le amputazioni manuali. Molti nemici divengono praticamente inoffensivi una volta privati di arti o braccia, per cui nel dispensare colpi, tenete sempre d'occhio le parti dei corpi avversari evidenziate in blu. Queste ultime sono ormai prive di corazza, dunque amputabili.

Vi lasciamo alla visione di un video con un pò di applicazioni delle suddette armi e delle amputazioni.
Buona visione e buon swordplay come al solito.

Nessun commento:

Posta un commento