-->



giovedì 24 dicembre 2015

CRIPTA DI AKU - Nightmare Creatures

PSX

Orridi e nefasti grumi di sangue e devoti seguaci ecco a voi Nightmare Creatures. Prima di Bloodborne, le creature d'incubo di Kalisto solcavano le strade di Londra di questo Indimenticabile parto sulfureo della prima epoca Playstation.
Nightmare Creatures è una gotica creazione videoludica marcia ed affascinante, ricca di

venerdì 18 dicembre 2015

SPECIALE - Games Week: post mortem

PC | PS4 | XBOX ONE 

Mi siedo eccitato su una sedia bianco latte, appoggio la borsa, la tracolla, mi tolgo il cappello firmato da Toru Iwatani, il creatore di PacMan, fuori c'è un chiasso incredibile, dubito che questa nuova esperienza virtuale targata "Sony" sarà così immersiva , mentre sento un vociare indistinto di ragazzi eccitati, giornalisti, blogger e youtubestar alle mie spalle.

mercoledì 2 dicembre 2015

RECENSIONE - Oneechanbara Z2: Chaos

PS4

Per epistassi o rinorragia si intende una qualunque forma di emorragia proveniente dalle cavità nasali derivata da tette presenti in opere manga, anime o videogiochi....

sabato 7 novembre 2015

SPECIALI - Splatterhouse: The pickman reference guide

PS3 | XBOX 360
A LOVE CRAFT
Alcuni degli aspetti più convincenti del reboot di SplatterHouse sono le linee narrative, le numerose citazioni, l'enorme mole di easter-egg orrorifici, ma sopra ogni cosa, la trama. Genuinamente realizzata fondendo il lore originale della serie, ad intuizioni di varia natura, gradite aggiunte sempre a tema e tanto senso macabro e grottesco che permea questo gioiello del gore-gaming, Splatterhouse spicca senza dubbio. Questo titolo è realmente immancabile se vi piace sguazzare nella poltiglia e se siete a caccia di un insano gusto per la mattanza indiscriminata. Questa rapida guida di riferimento avrà premura di mostrarvi alcuni punti di forza di questa produzione che non dovrebbe mancare alla vostra collezione. Let The BloodBath Begin !! 

PS. Ricordarvi che è meglio leggerla dopo aver giocato al titolo, credo sia superfluo.

mercoledì 4 novembre 2015

SPECIALE - The West Mansion of Splatterhouse

PS3 | XBOX 360

ATTENZIONE! IL CONTENUTO DI QUESTO BACKSTAGE PUO' RISULTARE SGRADEVOLE E OFFENSIVO ALLA LETTURA, A CAUSA DEL SUO CARATTERE VIOLENTO E SPLATTEROSO, VI PREGHIAMO DI NON FARE STAGE DIVING E A TERMINE DELLA LETTURA UTILIZZARE L'USCITA DI EMERGENZA. 

LA DIREZIONE  DEL FULL MOON FESTIVAL

giovedì 29 ottobre 2015

RECENSIONE - S:O:M:A

PC | PS4

Roberto di Letizia, brillante saggista, filosofo del digitale ed autore di G969 ci consegna uno splendido A Latere su S:O:M:A: ennesima fatica di Frictional Games che stavolta si allontana da facili Amnesie o Penumbre, toccando la ludosofia più pura.

Noi rispondiamo alla chiamata.

sabato 3 ottobre 2015

RECENSIONE - MGSV: The Phantom Pain - Il mio ultimo dolore

PC | PS4 | XBOX ONE | PS3 | XBOX 360

74 ore, 115 side-ops completate, tutte le primarie spuntate, 57% di gioco completato, due giorni sabbatici per riprendermi. Il mio Phantom Pain si è concluso, e con lui se ne va un pezzo importante della mia carriera videoludica. Da oggi posso finalmente prendere il libro dei ricordi e segnarci all’interno Metal Gear Solid V (da adesso V).

mercoledì 16 settembre 2015

TGS2015 - Gravity Rush 2 & Remastered

PS4

Altro grande ritorno in questo Tokyo Game Show 2015: Il seguito di Gravity Rush, la piccola gemma uscita su PSVITA. La cosa divertente è che uscirà in esclusiva PS4, ma è ancora più divertente pensare che il primo episodio, una delle poche esclusive Vita degne, arriverà in versione Remasterd sempre su PS4.

TGS2015 - Niho: il nuovo titolo del Team Ninja

PS4

Si vociferava già qualcosa all'E3, ma alla fine è arrivato solo ora. Un po' a sorpresa arriva al Tokyo Game Show NIHO, il nuovo gioco sviluppato da Team Ninja e finanziato da Tecmo Koei.
Questa esclusiva PS4 sembra promettente dal punto di vista artistico, con toni e ambientazioni oscure e ispirate alla tradizione giapponese.

TGS2015 - Resident Evil: Umbrella Corps

PC | PS4 | XBOX ONE
 
E per celebrare il ventennale della saga Zombie più famosa di tutti i tempi, Capcom presenta al palco del TGS 2015 un gioco che tutti i fan di Resident Evil aspettano...

Lo so, sono solo due righe, ma sono mentalmente compromesso. Grazie per la comprensione.

TGS2015 - Yakuza Kiwami & Yakuza 6

PS4 | PS3

Per festeggiare il decimo anniversario del brand Yakuza, Sega decide di sparare ben due annunci di grosso calibro al Tokyo Game Show 2015. Stiamo parlando di Yakuza Kiwami, remake del primo capitolo uscito su PS2 e del nuovissimo capitolo della saga, Yakuza 6, in esclusiva PS4.

domenica 13 settembre 2015

RECENSIONE - Devil's Third: le motivazioni di un lupo

WiiU
O
rmai conoscete alla perfezione il mantra di GMC : diamo spazio sempre e con molto piacere, ai giocatori che sanno cosa scrivere, che riescono a proporre punti vista diversi e che fanno riflettere con le loro visioni spesso distanti dalla stampa professionale, ma sopra ogni cosa, portiamo all'attenzione impressioni di Gamer professionisti.
Vi lascio dunque alla lettura di questa scorrevole recensione gentilmente offerta dal Gamer Wolf_Loz

sabato 5 settembre 2015

AUDIOSHOCK - The Witcher 3

 PC | PS4 | XBOX ONE

In compagnia di Aku ci perdiamo fra i chiassosi viottoli della cittadina di Oxenfurt, udite questo audioracconto con spirto lieve.

AudioRacconto liberamente adattato dal romanzo "Il sangue degli elfi" di Andrzey Sapkowski.

martedì 1 settembre 2015

NEWS - Novità dal fronte orientale: Shenmue III

PC | PS4

Giungono finalmente novità sul progetto sogno di ogni videogiocatore, quel Shenmue III che sembrava ormai perduto e il cui annuncio ha folgorato tutti all'E3 di quest'anno.
Attraverso il portale ufficiale di Kickstarter arrivano informazioni sullo stato corrente dei lavori: a quanto pare Suzuki ha terminato la fase di progettazione,

venerdì 28 agosto 2015

PODCAST - The Evil Within: Il Mal di Dentro

PC | PS4 |XBOX ONE | PS3 | XBOX 360

Un po' a sorpresa, quando forse avevate ormai rinunciato all'idea di vedere The Evil Within trattato in maniera completa e a mente fredda sulle nostre pagine, vi proponiamo il più abbondante e imputridito omaggio all'opera di Shinji Mikami (DLC made in Aku incluso) con cui saziare la vostra fame di horror... Un omaggio realizzato con la gentile

mercoledì 26 agosto 2015

The Man Who Fooled The World (again!) - Chi è davvero Venom Snake?

PC | PS4 | XBOX ONE 

Come da tradizione, alla vigilia del lancio di un nuovo Metal Gear, mi cimento nel decrittare il puzzle kojimiano allestito di trailer in trailer: la trama!... O meglio, il punto di approdo della trama stessa.
E' probabile che tra qualche settimana staremo tutti assieme a farci due risate sulle castronerie che di seguito esporrò, ma vale la pena concedersi al gusto

giovedì 13 agosto 2015

RECENSIONE - The Witcher 3 : La Spada Denudata

PC | PS4 | XBOX ONE

Per la seconda volta, la prima accadde con The Evil Within, infrango una sacra ed inviolabile regola che da sempre mi autoimpongo, o almeno cerco di rispettare, almeno fin da quando sono stato gentilmente invitato a contribuire a questo coraggioso blog videoludico : scribacchiare impressioni su un titolo mentre lo sto ancora esplorando, mai termine

venerdì 7 agosto 2015

RECENSIONE - The Witcher 3: Wild Hunt

PC | PS4 | XBOX ONE

The Witcher 3 : Wild Hunt ci terrà compagnia per lungo tempo, sono previsti tanti speciali e tanti approfondimenti per questa ciclopica opera videoludica. In onore al gioco, abbiamo dunque deciso di raccogliere tante voci, tante impressioni, tanti articoli e tante fonti magiche.Gamer May Cry ospita un articolo di Riccardo Raffaelli,

sabato 18 luglio 2015

RECENSIONE - Ground Zeroes: una misera, buona pietanza

PC | PS4 | XBOX ONE | PS3 | XBOX 360

Quel mascalzone di Kojima l’ha fatto un’altra volta. È riuscito a far parlare di sé e della sua creatura in modo assordante. Non tanto in bene questa volta. Difficile digerire un PROLOGO a pagamento nei nostri cari negozi di giocattoli.
Difficile digerire una Konami che sfrutta tutta la prostituzione mediatica che solo nomi grossi come Metal Gear Solid possono provocare. E sono difficili da digerire pure le QUARANTA euro richieste dall’IVA italiana per mettere le mani su tutto ciò.

venerdì 10 luglio 2015

RECENSIONE - Thief : il reboot dalla doppia ombra

PC | PS4 | XBOX ONE | PS3 | XBOX 360

Questo reboot di Thief mi ha fatto riflettere e penare per quasi tutte le 30 ore di gioco passate sopra. È un videogame che ti mette in difficoltà. Così come ti mette in difficoltà parlare di reboot, visto che i pretesti narrativi tutto sembrano tranne che un restart completo dell’opera. C’è un certo Garret, il popolo conosce le sue gesta, viene soprannominato ladro

martedì 7 luglio 2015

RECENSIONE - Assassin's Creed Unity

PC | PS4 | XBOX ONE

Bene, completato al 100%, circa 3 mesi di gioco nelle amare aurore, quando tutto è silenzio e l’ora è nessuna…

All’ennesima reiterazione del franchise appare chiaro come AC non ambisca ad altro se non alla propria sopravvivenza estetizzante, aggiudicandosi il primato

venerdì 3 luglio 2015

SPECIALE - Manhunt & Manhunt 2: Fratelli nel sangue


 PC | Wii | XBOX | PS2

A SERBIAN GAMES

Potremmo rimanere a contemplare il cadavere gonfio e putrefatto della serie Manhunt per ore, prima di aggiungere, o detrarre, qualcosa di sensato a quanto già visto, giocato, e letto su questa controversa ma ben conosciuta serie di videogiochi. Prodotta e sviluppata da Rockstar Games, questa coraggiosa saga fu capace di dar vita a una tale quantità di polemiche che, ancor oggi potremmo riempire GMC di innumerevoli articoli sull'etica, moralità e la libertà dell'acquirente. Tuttavia, il paradosso finirebbe col rappresentare il fine ultimo di ogni analisi, vanificando ogni sforzo di rendere giustizia alla creatura cieca e perversa partorita dallo studio Rockstar di Manhattan prima, e da quello di Londra poi.

martedì 30 giugno 2015

E3 2015 - Shenmue 3, Kickstarter e i sogni che si avverano

PC | PS4

Sarò sincero in questa intro, prima dell’E3 2015 nemmeno lo conoscevo questo Kickstarter. Poi sul palco vedo arrivare un individuo di nome Suzuki che ne fa uso addirittura per sfornare il terzo capitolo di Shenmue. Mica sassolini!

Questo evento, oltre ad accrescere la

venerdì 26 giugno 2015

RECENSIONE - Blacklist: un nuovo inizio per Sam Fisher

 PC | PS3 | XBOX 360

La presentazione all'E3 2012 del sesto capitolo di Splinter Cell non è andata poi così bene. Gli sviluppatori optarono per il minuto e quaranta più coatto e guerrafondaio di sempre, giusto per rincarare ulteriormente la dose d’odio dei fan dopo lo snaturamento di Conviction.

martedì 23 giugno 2015

INTERVISTA - Max Puliero: il character artist italiano di Dark Souls 3

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Max Puliero, character artist attualmente impegnato sull'appena annunciato Dark Soul III.
Fra tante domande e tante altre a cui non abbiamo potuto aver risposta per il fatidico diretto d'azienda.
Lo staff tutto ringrazia Max, e in caso voi lettori vogliate conoscerlo meglio visitate https://mmaaxx.artstation.com/
Vi lasciamo all'intervista. Buona lettura!

giovedì 18 giugno 2015

E3 2015 - Nier: New Project

PS4

La nuova bomba atomica super segreta messa in mano ai Platinum Games? Nier -New Project.

Arriva un pò a sorpresa questo infarto lieve nei nostri cuori, sopratutto dopo il deludente annuncio riguardante i Platinum al lavoro su...Transformers.
Nessun rancore verso i Mech eh, però uno si

E3 2015 - Horizon: Zero Dawn

PS4

Messo finalmente da parte il brand Killzone, i ragazzi di Guerrilla approfittano della fiera per presentare un primo trailer/gameplay della loro nuova IP esclusiva Sony: Horizon.
Il gioco è ambientato in un ipotetico futuro post-apocalittico, in cui la natura ha preso il sopravvento ricoprendo così l'intero pianeta.

E3 2015 - Hitman : World Of Assassination

PC | PS4 | XBOX ONE

Un' altro grande ritorno in questo mirabolante E3 2015: Hitman - World of Assassination
Purtroppo dal trailer non è ancora ben chiara la struttura di questo nuovo capitolo dell'agente 47. Il gioco inoltre verrà venduto prima in digitale e la forte modalità di editor online lo fa sembrare ancora di più un capitolo a basso budget e in continuo mutamento.

E3 2015 - Final Fantasy VII Remake

PS4 | XBOX ONE

Dopo anni di attesa (che agli amanti della saga sono sembrati secoli), trailer fake, trailer ingannatori, annunci, smentite, conferenze, speculazioni, cospirazioni globali, hype di utenza con conseguenti decessi, arriva finalmente la conferma sul Remake integrale di uno dei più famosi e amati j-rpg di sempre: Final Fantasy VII.

E3 2015 - Dishonored 2: Ninja e Corvi ritornano

PC | PS4 | XBOX ONE

Questa nuova avventura sarà ambientata 15 anni dopo il primo capitolo e una nuova minaccia riporterà scompiglio nell’universo steampunk creato dai talentuosi Arkane studios.

lunedì 15 giugno 2015

STEP BY STEP - E3 2015 con Gamer May Cry!

PC | PS4 | XBOX ONE | WiiU | PSVITA | 3DS

È arrivato finalmente l'evento più atteso dalla comunità videoludica internazionale, quel Electronic Entertainment Expo che ogni anno da Los Angeles fa delirare, sia in positivo che in negativo, migliaia di appassionati, mostrando in pompa magna tutto ciò che dovremo aspettarci dal futuro della nostra amata industria.

venerdì 12 giugno 2015

RECENSIONE - Splinter Cell: L'occidente sfida Solid Snake

PS3 | XBOX 360 | PS2

Quando si parla del genere stealth la prima cosa che viene in mente è Metal Gear Solid, il colosso Konami che da sempre calca la mano sull’infiltrazione. Quel “Tactical Espionage Action” in copertina ancora oggi fa sbavare milioni di giocatori, ben consapevoli di cosa li aspetta in questo genere ormai consolidato: lunghi silenzi, ansia mentre si

venerdì 5 giugno 2015

RECENSIONE - Tenchu: L'antico splendore dei ninja

Wii | PSP | PS2 | PSX

''Questa è l’età degli stati guerrieri. Il vecchio Shogun è caduto e i samurai combattono una guerra senza tregua per vedere sventolare le proprie bandiere sui grandi castelli del Giappone. Lontano dai campi di battaglia però, una diversa razza di guerrieri agisce invisibile e misteriosa. Nati nell’ombra, sono destinati a morire come ombre. Sono i ninja.''

Venerdì stealth

Tornano i cicli tematici di Gamer May Cry!
Questa volta ci dedicheremo a tutti coloro che amano agire all'ombra del nemico.

Come sempre prendendo in esame titoli più e meno recenti, a partire da oggi i tutti i venerdì di giugno saranno dedicati al videogioco stealth.

Restate sintonizzati.

martedì 26 maggio 2015

RECENSIONE - Tales of Xillia Saga


''Perchè gli esseri umani continuano a inseguire un potere in grado di distruggere il mondo?''

E’ possibile affezionarsi ad un brand partendo solo dalla sua tredicesima incarnazione? Questa è stata la prima domanda una volta concluso il primo capitolo di Xillia.

sabato 23 maggio 2015

RECENSIONE - Tales of Symphonia HD: un mito che risplende

PS3

Nel mare di collection e riproposizioni in HD odierno, capita (nemmeno tanto spesso) di trovare qualcosa di unico, non propriamente alla moda, difficile da reperire nella sua versione originale e dannatamente storico nella sua importanza.
Dopo il grande successo di Tales of Xillia, Namco
Bandai decide di pubblicare sul sistema PlayStation

giovedì 14 maggio 2015

[VLOG] Bloodstained : Ritual of The Night

PC | PS4 | XBOX ONE

+ IGA, il Signore del Notturno del chiar di luna, è appena tornato ! +

"Aku ci racconta il suo punto di vista, mentre compie le necessarie fumigazioni e benedice gli antichi Dèi del Videogioco. Koji Igarashi, storico e indimenticato produttore di Akumajo Dracula (CastleVania) dopo otto lunghi anni è finalmente riemerso dalle

sabato 9 maggio 2015

RECENSIONE - Blood Of The Werewolf

PC | XBOX360

Mentre una pallida sfera taglia con aghi di luce lunare la tragedia di Selena, mamma lupa a cui viene brutalmente ucciso il compagno e sottratto il bimbo in fasce, noi non possiamo fare a meno di porci certe domande, sopratutto in seguito all'ennesimo decesso su aguzzi spuntoni. Andiamo per gradi, finché la luna ce lo concede :

giovedì 7 maggio 2015

PAGELLONE - Sakura Wars: So Long My Love

Wii 

Torna Il Pagellone, e lo fa in RETRO marcia.
Questa volta tocca ad un gioco sconosciuto al grande pubblico, connubio fra visual novel e strategia jrpg, è l'ora di valutare la versione Wii (gioco disponibile anche per PS2) di
Sakura Wars: So Long My Love.

Promosso o bocciato?

giovedì 9 aprile 2015

STEP BY STEP - Bloodborne: Let us clean these foul streets

PS4

Quello che segue è un resoconto, step by step solo fino ad un certo punto, per non scendere troppo nei dettagli, della mia prima partita a Bloodborne, nuova creazione di From Software in collaborazione con Sony Japan, diretta da Hidetaka Miyazaki per Playstation 4, erede spirituale, se non di nome, di Demon's e Dark Souls.
Cercherò di essere il più vago possibile nella descrizione di luoghi, incontri ed eventi ed eviterò di

venerdì 3 aprile 2015

RECENSIONE - Dragon Age: Inquisition - Conflitto genetico da "effetto massa"

PC | PS4 | XBOX ONE | PS3 | XBOX 360

Un gioco di ruolo è un genere ludico complesso, caratterizzato da diverse filosofie di sviluppo e da diversi "ambienti" nei quali il suddetto ha nel tempo preso forma, con una storia consolidatasi nel corso di anni di sperimentazione che ne definisce i canoni. Il videogioco è l'ultimo ambiente fruitivo nel quale il gioco di ruolo è stato trasposto, unendo elementi del

domenica 22 marzo 2015

RECENSIONE - Alien Isolation

PC | PS4 | XBOX ONE | PS3 | XBOX 360
In questi mesi di rincorse esasperate, anteprime sdrucciolevoli, preview e confusionarie anticipazioni (che male hanno contribuito al successo del gioco) avrete sicuramente già letto filastrocche che vi raccontano di come un abbondante 80% dei videogiocatori e recensori italiani (e non solo) siano venuti a conoscenza del LV-426 e degli xenomorfi più famosi del cinema, anni, secoli, prima che questo gioco fosse anche solo lontanamente concepito.

venerdì 13 marzo 2015

OSSERVATORIO di Aku - Resident Evil 6 pt. 2

PC | PS3 | XBOX 360

Seconda puntata dell'Osservatorio di Aku dedicata interamente a quel giocaccio adorabile di Resident Evil 6.
Resident Evil 6 è davvero un gioco davvero immondo ed ignorante ? O chi lo critica è un esempio di un classico frustrato dell'era moderna dei videogiochi ? In questa seconda parte le battute finali.

lunedì 9 marzo 2015

A LATERE - 50 sfumature di The Order 1886

PS4

Ecco lo sapevo, è capitato di nuovo, minacciosamente albeggia. La mia finestra, decrepita e ormai sfondata, lascia entrare tiepide lame di luce cristallina; mi sembra di aver vissuto in un buco, una confortevole tomba, un autentico anfratto scavato in una umida cantina durante le ultime febbrili ore trascorse nel silenzio e nella meditazione, rispondendo solo raramente ad ogni sfuggito interlocutore che mi si parava dinnanzi, virtualmente e non solo. Un ultimo, disperato, tentativo, di sfuggire a tutti coloro che insistentemente bussavano al mio flaccido cervello (ancora più provato, durante una fruizione videoludica) con le solite trite e ritrite domande che infestano letteralmente ogni luogo internettaro specialmente quando un titolo viene pubblicato: "Cosa ne pensi?" - "Ma secondo te" - "Ne vale la pena?" - "..."
Fuoco alle polveri dunque, nell'autunno del 1886 la vittoriana Londra è afflitta dalla piaga dei mezzosangue, creature antiche e primeve, per metà umane e per metà animali, e contemporaneamente è costretta ad affrontare una feroce ribellione antigovernativa. Questa è la storia dell'Ordine.
Una casta di protettori, cacciatori di mostri e difensori della nobile Britannia.










Là fuori, per le strade della rete, colme di figure indistinte, scorgo solo vampiri e succhiasangue. Creature così insidiose e voraci da strapparti via la linfa videoludica di dosso, senza che manco tu te ne accorga. Eppure dovrei ricordare che "I morti sono veloci" e paracitando Andrea Pessino, co-fondatore di Ready at Dawn « non troverò nessun riparo o conforto in questa critica videoludica»
L'oracolare rete è stata puntualmente monopolizzata per la ghiotta occasione, ancora una volta, come spesso accade quando si verificano condizioni tali, o quando si ributta alla collettività la soluzione di un problema assai complicato da districare, ovvero: cos'è esattamente questo "The Order 1886".
Questo ingrato scenario mi è, ahimè, assai familiare. L'ho visto realizzarsi e puntualmente sfaldarsi davanti ai miei occhi decine di volte e solo raramente è stato in grado di spingere la comunità videogiocante verso una riflessione articolata su un gioco uscito, contribuendo a porre nuovi interrogativi su come si possa o si debba sperimentare su un videogioco al giorno d'oggi, anche in un ingombrante tripla A.
Spesso si tratta soltanto di sciatto cannibalismo, consumato sulle spoglie di un gioco particolarmente sfortunato, che nasce nel momento sbagliato e nel posto sbagliato, come il nostro prode Sir Galahad. Militare risoluto non troppo aristocratico nei modi, che nel corso di questo affresco narrativo dalle tinte ardite che miscelano sapientemente steampunk e letteratura dell'ottocento, avrà modo di riflettere sul concetto di onore, giustizia e su quello dei suoi commilitoni, un antico ordine di cavalieri che discende nientemeno che dal mito arturiano. Adesso però c'è solo tanta, troppa confusione, siamo frastornati come il protagonista di questo autentico romanzo interattivo, giunto alla fine del primo atto. Andiamo per ordine, come sempre, partendo dal principio.



Sembra invero che su The Order 1886 abbia gravato da sempre un cielo plumbeo, minaccioso, che già lo perseguitava fin dalla sua nascita: un coro di trombe sfiatate, sostenitori del presunto gameplay, hanno tentato di affossare il gioco a più riprese servendosi di sofisticate panzane, spesso scarabocchiate tra le righe delle più ardite recensioni-preview mai lette. Semplicemente The Order 1886 non convinceva, a questo sentore piuttosto diffuso, presto si affiancherà un battage pubblicitario poco chiaro e lacunoso dello studio americano, pietra tombale, la durata comunicata anzitempo che si attesta -a detta loro- in 8 ore. Dov'erano esattamente questi signori quando il tanto celebrato gameplay veniva infiocchettato e servito in tante altre (note e meno note) produzioni videoludiche? Non si può sapere, o meglio, non ci è dato a sapere. Evidentemente vale il discorso dei due pesi, due misure. Probabilmente, The Order 1886 è la pietra dello scandalo di questo infinito girotondo sabbatico, in cui tutti un giro di saltarello se lo concedono.

Stavo dicendo ?
Ah certo, perdonatemi, ma sono un pessimo padrone di casa.

Non mi sono accorto neanche stavolta che il tempo è volato, scivolato via letteralmente, fuggito, come mi accadde per altri videogiochi che mi avevano catturato in passato, The Order è stato vittima di una autentica foga notturna, o un cosidetto dritto mattutino che non mi capitava dai tempi di Deadly Premonition, Alan Wake e, prima ancora Silent Hill, Project Zero, Metal Gear Solid, Vagrant Story, e poi via, a ritroso nelle spire del tempo, fino ad arrivare a Nes (CastleVania III : Dracula's Curse).






Accompagno gli amici al portone, sono le 3:00 AM passate, mi assale un'incontenibile voglia di portare a compimento quello che poche sere prima non solo mi aveva piacevolmente intrattenuto, ma mi aveva davvero incuriosito e visivamente impressionato. Dopotutto non manca molto.
Mi manca poco, lo so per certo, perché nelle poche recensioni che ho letto (una in particolare...), l'autore, per aumentare il numero delle righe, ha generosamente spoilerato il numero di capitoli nel gioco: così, giusto per fare un servizio a chi legge. Non che il gioco dei Ready at Dawn non fosse cadenzato bene, come struttura cinematica e linguaggio narrativo: si percepisce chiaramente quando si oltrepassa il corpo finale dell'opera e la cosiddetta stesura di metà, ma evidentemente, a molti sfugge che enunciare correttamente il numero di capitoli di gioco, non equivale a dire che le pagine di un libro sono 200.






Al capitolo XI o XII o IXV ad ogni modo, mi perdo e non riconosco più i numeri romani, né distinguo più la fine dei capitoli, né il loro inizio, né la loro conclusione. E' come arrivare al minutaggio finale di un grandioso film epico: percepisci che l'opera deve concludersi in qualche modo e pretendi un climax nelle battute finali, che puntualmente arriva.
Gli eventi conclusivi dell'Ordine si susseguono senza sosta. In un attimo la percezione del giocatore piomba in uno stato di fibrillazione acuta, viene cambiata, stravolta, in un istante siamo in mezzo ad uno scenario prevedibile ma non del tutto scontato, in un attimo siamo un puntino dentro una nuova esaltante prospettiva: una mappa sbiadita che traccia rotte impazzite nella nostra fervida immaginazione, un tumulto di personaggi e storie che reca omaggio alla migliore letteratura gotica di fine 800, interagendo con maestria in questo dedalo di figure storiche, inventate, mitologiche.
Il nostro cervello frigge, frigge a pensare alla mole di ambientazioni possibili, alla mole di personaggi che possono essere interpretati, scelti e opportunamente inseriti. Non si può che rimanere storditi al pensiero di cosa potrebbe diventare nei prossimi capitoli questa nuova serie che tanto mi ha colpito, che tanto ha fatto discutere, e che, ne sono certo, lascerà con il fiato sospeso milioni di giocatori.
Lo scenario per certi versi mi ha ricordato la fine di Assassin's Creed, quell'epilogo così sofisticato ed azzardato, che metteva in campo nuovi potenziali stimoli, dettami biblici, non tanto al gioco ma alla sceneggiatura stessa. The Order 1886 è dunque una promessa, e prima di questo una nuova sperimentazione videoludica che guarda sempre più da vicino la settima arte.
I meri valori produttivi del gioco sono di fronte a tutti, è sufficiente fare una rapida ricerca per incorrere in tante recensioni più dettagliate e incredibilmente bolse, le quali spiegano minuziosamente con che grafica ed effetti particellari avremo a che fare, quale colonna sonora ascolteremo o ricostruzione pseudo-storica saggeremo.
Vi risparmio dunque azzardate dettagliate analisi su aristocratici scenari vittoriani o monumentali scorci di una Londra ucronica, poiché a bordo dell'Agamennone vi renderete conto da soli di essere genuinamente tra le nuvole.


Dal punto di vista videoludico The Order 1886 insegue una sperimentazione forsennata che tenta di raccontare un videogioco, anziché farlo giocare: ardita formula di alto valore intrattenitivo, forse meno giocato, forse dal sapore più cinematografico. Sulle prime indubbiamente stona, perché la voglia di giocare è tantissima, ed il desiderio di percorrere quel dedalo di viuzze o di oltrepassare i cancelli di Mayflare Lane soverchia ogni capacità di giudizio, pregiudicando spesso l'opera. Forse è questo aspetto ad aver condizionato molti giocatori e, parimenti, recensori.
Si vorrebbe fare, ma non si può. Si resta rigorosamente confinati in quello spazio ludico, costretti a seguire i binari che qualcuno ha tracciato e delimitato, attenti a non superare la soglia dell'inter-gioco.
The Order è una miscela esplosiva che alterna un TPS solido ed armonioso, con brevi esplorazioni in ambientazioni stupefacenti, e cutscene particolarmente suggestive. Squisitamente grigio nella sua stessa composizione, il gioco mostra i muscoli in ogni aspetto. Quando il racconto diventa materia ludica ci si diverte; certo, tanti aspetti potevano essere mitigati meglio e definiti con più accortezza. Per esempio, tante esplorazioni potevano portare a soluzioni più stimolanti, oppure in tante occasioni potevano essere aggiunte scelte etiche, che avrebbero influenzato la trama o dato il via ad interrogativi morali, i quali avrebbero potuto condurre ad un alto livello di replay-value. Resta la forte sensazione di aver concluso un gioco che forse era sulla via di una realizzazione più ampia.
Non sarebbe però più stato L'Ordine. L'Ordine a cui questo gioco si concede, fin dal principio.






Tutto il gioco è ritmato benissimo, non ci sono spazi vuoti o da riempire, o artificiosi stratagemmi per aumentare la durata della storia, non ci sono missioni secondarie o altre distrazioni. Il gamer deve restare concentrato sulla trama, poiché il gioco funziona così e, per certi versi, funziona davvero.
Casomai il problema di The Order 1886 è un altro: la limitazione.
Purtroppo il giocatore numerose volte si sente estraneo a tutto quello che accade sullo schermo, minimamente interpellato a prendere parte al gioco. Occasionale giocatore, onnipresente spettatore, in The Order è chiamato a compiere piccole manovre ludiche, piccole interazioni, schiacciare ripetutamente un tasto, oppure muovere il cavaliere Galhand per scenari ridotti e lunghi corrodoi, in attesa che le bocche da fuoco inizino a cantare, perché solo allora il gioco ha davvero i baffi.
Quando ciò avviene la carne sfrigola e i cadaveri si ammucchiano, un colpo di striscio sviscera letteralmente un ribelle, un altro, brutalmente, lo decapita. E' la glorificazione dello steampunk sulla materia, mentre schizzi di sangue si depositano sulle barricate, lasciando senza parole il giocatore che realizza la bellezza amara di quanto sta guardando.
Il giocatore riprende posto nella plancia comandi e dirige lo scontro, tornando a diventare il protagonista indiscusso del gioco. C'è dinamicità negli scontri, adrenalina pura, violenza, anche se un'apparente facilità di approccio.
Resta più che un gioco fatto e finito, sperimentazione azzardata e una grande promessa (e una nuova potentissima IP di casa Sony).Ne sentiremo ancora parlare, statene certi e per me, è gioia e gaudio.

The Order arriva quando sono stati sparati gli ultimi fuochi d'artificio, consumati alla svelta da una critica giornalistica impotente di far percepire il gioco per quello che realmente è, senza tante cerimonie: un'opera dall'alto valore intrattenitivo, ancora da limare e da perfezionare, assurdo focalizzarsi sulla durata, autentico show-case di PS4.

Ci aspettano grandi giochi con premesse simili.


"Stringevo in mano la lettera e avevo l'impressione che la stanza mi girasse intorno : se il padrone della locanda non fosse stato lesto a sorreggermi, certo sarei caduto. Tutto era così strano, inverosimile, misterioso che pian piano avevo sempre di più la sensazione di trovarmi in bàlia di forze contrarie. La sola idea bastava a paralizzarmi. Di certo, dovevo trovarmi sotto la protezione di qualche potenza misteriosa: proprio al momento giusto, un messaggio giunto da un paese lontano mi aveva difeso dal pericolo di soccombere alla neve e sottratto alle fauci del lupo" .

L'Ospite di Dracula, Bram Stoker.