VIDEOGAMES CAFE'

mercoledì 10 settembre 2014

PAGELLONE - Binary Domain: lo sleeper hit dei TPS

PC | PS3 | XBOX 360

Andiamo alla riscoperta di un TPS passato inosservato alla grande massa.
Suona la campanella per Toshihiro Nagoshi e il suo team.
E' tempo di pagella per Binary Domain.

Promosso o bocciato?







Binary Domain fa suo il meglio delle recenti meccaniche TPS, riproponendo l'impostazione a coperture ormai collaudatissima, riservandosi però di lasciare un tocco personale grazie al risalto dato alla collaborazione con i membri del gruppo con cui poter imbastire strategie d'attacco.


Il rapporto con i membri del gruppo, da coltivare rispondendo alle molteplici domande a risposta multipla proposte nel corso del gioco, è indispensabile per far sì che il team esegua i comandi impartiti in battaglia. Team in cui ognuno ha un'arma principale da upgradare spendendo i punti racimolati in battaglia nelle decine di shop sparsi nel gioco.

Altro punto di forza è l'ottima gestione delle hit-response dei nemici robotici che reagiscono alla perfezione ai danneggiamenti subiti, con azzoppamenti e perdite di arti credibili, proprietà queste che permettono un pizzico di strategia: oltre a ridurre la mobilità nemica con la distruzione delle gambe, potremo, sparando alla testa un robot, mandarne in tilt i sensori, il mal capitato non distinguendo più fra amici e nemici, inizierà dunque a sparare indistintamente all'impazzata, peculiarità che, se sfruttata a dovere dal giocatore, permette di trovare improbabili alleati nel cuore delle file nemiche. Sorprendentemente buona l'IA avversaria, mediamente superiore a quella vista nell'ultima uscita dello sparamuretto Epic, il che dona ulteriore spessore al gunplay. 

Ma la cosa che più lo distingue in positivo dai migliori TPS in commercio è la massiccia presenza di boss fight: intense battaglie contro robot alti come palazzi, incentrate per lo più sul colpire il nemico in determinati punti facendo prima saltare le pesanti corazze a suon di piombo. Scontri epici ed adrenalinici che richiedono una certa strategia e mobilità.
Le continue sparatorie sono ben progettate ed il ritmo di gioco è serrato ed irresistibile, spezzato opportunamente da spettacolari quick time event e sessioni su veicoli. La noia non fa davvero parte di Binary Domain.




La mappatura e la reazione dei comandi è tratta di peso dal sistema di gioco di Gears of War. Non originale ma copiando dal meglio il risultato non può che essere, ed è, ottimale.





La storia, nonostante una partenza in sordina nelle prime ore, pur facendo uso di personaggi cliché, a conti fatti attinenti, ma che spesso ricorrono a battute ed atteggiamenti in pieno stile B movie, riesce a coinvolgere il giocatore mettendo in campo spunti di riflessione etici e morali notevoli.


Una sceneggiatura di assoluto spessore che lo distingue ampiamente dalla concorrenza, risultando da sola un valido motivo per l'acquisto.






Tecnicamente vive di alti e bassi.
Occasionalmente si verificano compenetrazioni poligonali evidenti e le texutre plasticose e piatte, non nuove ai fan della saga Yakuza, specialmente sulle armi, danno un risultato sin troppo giocattoloso all'occhio.
Il comparto animazioni è occasionalmente poco credibile, specie nel trasporto di armi ed oggetti pesanti.




Sottofondi musicali adrenalinici ed elettronici di stampo yakuziano accompagnano l'avventura sempre col giusto piglio.
Diverse bocche da fuoco hanno un campionamento poco convincente ed il doppiaggio italiano è altalenante, si passa da buone interpretazioni ad altre decisamente dimenticabili. La quantità delle frasi pronunciate dal team in battaglia è povera e di dubbia interpretazione.






Ogni giudizio sulla modalità cooperativa online è stroncato sul nascere dai frequenti problemi di lag che rendono questa modalità, dalla natura poco approfondita, del tutto accessoria e trascurabile. Binary Domain è singleplayer, per chi cerca un gioco online il consiglio è rivolgersi altrove.






Con un monte ore stimabile intorno alle 8-9 ore, il gioco SEGA raggiunge una durata in piena media col genere a cui appartiene.
Finendolo non si sbloccano extra, tuttavia al divertimento di rigiocarlo, magari ai livelli di difficoltà superiori, è da sommarsi la possibilità attraverso una nuova partita di provare a salvare tutti i membri del team, affinando ulteriormente il rapporto con questi qualora non vi si fosse riuscito nella prima run.
Purtroppo l'online, più che mai accessorio, non da motivi extra rispetto allo story mode per continuare ad inserire il gioco a lungo nella console.


CONSIGLI PER GLI ACQUISTI
Binary Domain è un gioco imperdibile per ogni amante dei TPS e più in generale consigliato ad ogni amante del buon videogame, sebbene dal nome poco altisonante non china la testa dinnanzi ai top game del genere, e seppur gameplayisticamente poco originale, per certi versi ne esce ancor più completo specie sul fronte boss battle e narrativo.

3 commenti:

  1. Il papà di yakuza ha sfornato davvero un ottimo titolo.
    Un tps alla gears che non solo fa bene il suo lavoro ma cerca pure di strizzare un pò l'occhio al suo stesso maestro.
    Comandi vocali, più personaggi, nemici che vanno in mille pezzi, bella storia. Fa meglio questo ed altro.
    Il pathos finale e i vari protagonisti mi sono piaciuti. C'è un pò di stereotipo ma alla fine intrattiene più che bene. Almeno l'effetto monotonia di ammortizza un pò se c'è dietro una bella storia che ti invoglia ad andare avanti.
    Poco da dire sul piano TPS. Le coperture funzionano, il feeling delle armi pure, l'I.A. fa il suo lavoro, belle boss fight e un level design che riesce ad aggiungere qualche tatticismo in più agli scontri più intensi.
    Un estraneo del genere che riesce a fare meglio di gente che tripla A che vuole a tutti i costi puntare sul tps fallendo. Non parlo di re6 tranquilli.
    Nei difetti ci metto giusto qualche calo di frame durante le parti più movimentate, un online praticamente inutile e un comparto tecnico con qualche slavatura qua e la.
    Niente che possa intaccare le qualità di uno dei migliori TPS della scorsa gen.
    Visto lo scarso successo non faccio fatica a inserirlo nella lista dei titoli sottovalutati ingiustamente.

    RispondiElimina
  2. Ma non ne fate più di PAGELLONE ? Erano comodissime :( ferro98

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il feedback positivo.
      Ne abbiamo altre pronte e in seguito verranno pubblicate, su giochi fra l'altro decisamente di nicchia e passati poco sotto i riflettori; anche se non neghiamo che la rubrica è in una fase di stallo considerando che contrariamente alle tante ore di lavoro necessarie per realizzare un video Pagellone, il riscontro di visualizzazioni non è stato sin ora sufficentemente alto da poter giustificare tanto sforzo.

      Aiutateci a divulgare (via facebook, twitter, youtube, forum ecc o qualsiasi altro mezzo) i contenuti che vi piacciono, così, vedendo aumentare il favore dell'utenza, saremo ben felici di proseguire con il Pagellone e tutte le altre rubriche che vantano uscite sporadiche.
      Grazie ancora per i complimenti!

      Elimina