venerdì 13 marzo 2015

OSSERVATORIO di Aku - Resident Evil 6 pt. 2

PC | PS3 | XBOX 360

Seconda puntata dell'Osservatorio di Aku dedicata interamente a quel giocaccio adorabile di Resident Evil 6.
Resident Evil 6 è davvero un gioco davvero immondo ed ignorante ? O chi lo critica è un esempio di un classico frustrato dell'era moderna dei videogiochi ? In questa seconda parte le battute finali.


A Micheal Bay e Paul W.S. Aderson l'ardua sentenza.

Buona visione.


Vedi PARTE 1, clicca QUI

6 commenti:

  1. Complimenti Aku(mu) (per citare TEW), video spettacolare e dal gran montaggio che spiega in maniera onesta e veritiera (con qualche esagerazione dovuta al tuo personale stile) cosa è Re 6. Re 6 è un miscuglio, un pò un pastrocchione, di idde buone, idee mal gestite, buona grafica, grafica a tratti da era pre-ps2, buona atmosfera, atmosfera pessima e ambientazioni tremende. L'idea delle diverse campagne (e dei numerosi, forse troppi, personaggi giocabili) che si andavano ad intrecciare tramisticamente in preicisi momenti era un'idea geniale sulla carta ma pessima nel risultato finale. Re 6 è un gioco divertente, che intrattiene, caciarone, con molti script di cui qualcuno azzeccato però.... è un progetto che vuol apparire ambizioso ma fallisce totalmente in questo, è solo un'ombra di ciò che fu Re 4: quello si che era un capolavoro (vuoi che c'era Mikami): aveva tracciato le linee guida dove direzionare la serie, a livello qualitativo intendo, nonostante abbia marcato l'abbandono di molte caratteristiche distintive dei Re pre-4.
    In re 6 trovi un pò di stealth, un pò di atmosfera, un pizzico di tutto ma ogni aspetto non è al livello qualitativo che ci si aspetterebbe, il trash non è il buon trash di un MG Rising/Ninja Gaiden Z/ lo stesso Re 4 bensì è il trash più becero ed esagerato, in cui dominano esplosioni e carrarmati che escono dalle fottute pareti (letteralmente). Con i progetti revelations 2 ad episodi in parallelo (lo prenderò ma mi sa molto di strano sta cosa ad episodi) l'attenzione è puntata su re 7: ennesimo calo qualitativo o piccola/grande ripresa della serie?? Prepariamoci al peggio! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che RE6 sia di gran lunga il peggio che la serie poteva toccare.
      Lessi tempo addietro (insider di Capcom) che RE7 "sarebbe stato basato sui giochi più commercialmente vincenti di questi ultimi anni" (The Last of Us e Oulast?)...prepariamoci dunque a Joel Redfield ed Ellie Birkin. Anche se mi stuzzica un gioco con simili premesse, ad essere onesti.

      Elimina
  2. Ecco finalmente il seguito del video più atteso di sempre (per me). Sono morto in più punti LoL
    Complimenti pure per le scene/immagini scelte per il montaggio. Alcune sono divertentissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Conte ringrazia, come sempre, l'audio ha qualche incertezza, ho dovuto cambiare fonografo più volte ma nel complesso il risultato spero sia accettabile. Ho messo una pietra su questo giocone, ma continuo a sperare nella serie e nel suo futuro. Non ho ancora messo le grinfie su Revelations 2 e, inutile mentire, il fatto che tanti ne parlino bene mi terrorizza nel profondo.

      Elimina
  3. Caro Conte, ho letto anche io questa cosa però lessi anche (prima di re6) che re 6 doveva essere un 'ritorno alle origini' e si è visto poi quanto lo è stato xD quindi per me è della serie 'se dicono A mi aspetto tutto tranne A' xD poi un'impostazione alla tlou non sarebbe male (maggio peso dato allo stealth) però son convinto che uscirebbe fatto male rispetto a tlou, ormai Re ha un gameplay action action infatti le varie modalità in stile raid/arcadozze/mercenari insomma di lotta contro orde di nemici oramai sono migliori del gioco di base, è diventato una sorta di 'arcade' per me Re, con tanto di punteggi e classifiche. La speranza recondita per la serie la avrò sempre ma è una speranza semidisperata di chi comunque ama la serie per valore 'affettivo' più che altro!
    Per quanto hai detto su Revelations 2 e quante valutazioni positive stia ricevendo... secondo me è anche dovuto al prezzo budget perchè parliamoci chiaro un gioco che ci è costato poco siamo più propensi a perdonarne le magagne, se ci si spendono 60 cucuzze gli si fa invece pelo e contro pelo (detto a la matteo montesi xD). Ovviamente non è solo questo eh però è una componente non da poco, motivo per cui secondo me è stata una mossa commercialmente furbetta sta cosa del prezzo budget, la cosa degli episodi è invece un modo di sondare il terreno per valutare future mosse da parte loro.. inutile dire che io spero che in futuro sta moda degli episodi affoghi sul nascere!

    RispondiElimina
  4. C'è voluto parecchio tempo ma dopo i primi due capitoli di RE RE 2 (che è una sigla/acronimo davvero orrendo) sono riuscito a trovare ad un prezzaccio il pacchetto completo su PS4 in retail..e devo dire che Resident Evil : Revelations 2 funziona proprio grazie alla sua natura low-budget risicata.
    Come sempre, se ai giapponesi gli togli considerevolmente il budget (che spesso gli da proprio alla testa), si mettono a pianificare meglio il gioco sfruttando le loro scarse risorse, economizzando su tante cose, ma alla fin fine, fanno giochi più decenti.
    Il gioco regge, è un rimpasto deferente persino alle atmosfere di TEW, tanto che strappa in molti casi più di un sorriso, ma nel complesso RE2 funziona.
    L'isola russa funziona..anche se bisogna spiegare a Capcom che non è che tutte le nazioni del mondo devono essere un obiettivo sensibile...non vorrei trovarmi l'Umbrella che apre una filiale in Svizzera in RE7 e fa i soliti casini.
    La coppia - new entry e vecchio personaggio della serie - funziona ancora.
    La dinamica stealth funziona, la progressione del gioco è buona, la storia è decente (è RE...). L'unico appunto è che Claire Redfield e pure Barry, hanno una storia enorme e potevano gestire meglio i dialoghi. Cioè una rookie che fa da spalla alla sorella del leggendario Chris (ma pure lei non scherza) non è credibile che non abbia una sola, singola, linea di dialogo decente. Qua bisogna ancora lavorare tanto e smussare tante ingenuità. Uno sceneggiatore di professione potrebbe aiutare.

    RispondiElimina