l Gamer May Cry: PODCAST - No Man's Sky: il punto di Aku



ASCOLTA RADIOGAME !!!

venerdì 2 settembre 2016

PODCAST - No Man's Sky: il punto di Aku

PS4

Il nostro Aku si sfoga su Radio May Cry a caldo dopo aver concluso la sua run a No Man's Sky, indie game per PS4 fresco di uscita sviluppato da Hello Games che ha già diviso l'utenza.
Buon ascolto




Ad integrazione di questa puntata radio nelle prossime ore pubblicheremo un A Latere proprio scritto da Aku, restate sintonizzati.

7 commenti:

  1. Buon Aku, non l'ho ancora provato ma voglio esprimere il mio punto di vista sul progetto.
    Probabilmente no man's sky ha avuto la più efficace ma spudoratamente sbagliata campagna marketing. E ci sono video ma anche il famoso post su reddit a dimostrare quante promesse non siano state mantenute. Ed il problema è un fatto di chiarezza e comunicazione: intendiamoci, per quanto supportati da sony, hello games son comunque un insieme di quindici sviluppatori. Probabilmente si son ritrovati per le mani una roba più grande di quanto potessero gestire. Vuoi l'inesperienza di un piccolo team, vuoi la release imminente e la pressione.. in questo non mi sento di condannarli. Però li condanno per due aspetti:
    1) avrebbero dovuto fare una bellissima cosa. Un video recap ad 1 mese dal lancio in cui spiegavano precisamente cosa non erano riusciti ad implementare. E invece han continuato a mentire fino all'ultimo giorno. Ovviamente è stato un successo commerciale ma anche una shitstorm epocale, un bagno di sangue. Il vero problema è che NMS non ha avuto demo, la stampa non l'ha mai provato la stampa specializzata ecc. Quindi in sostanza si è creata un'aspettativa basata sulla fiducia di quanto promesso da trailer e dichiarazioni
    2) il prezzo, diamine. E qui è colpa di sony. È vero che di base un gioco andrebbe valutato per le sue qualità indipendentemente dal prezzo (per me hotline miami sarebbe stato un capolavoro anche se prezzato 70€) però intendiamoci anche qui.. se NMS fosse stato prezzato 30€ gli hello games ora erano i ragazzi talentuosi che avevano fatto un discreto lavoro sebbene migliorabile. È la verità.

    Quanto alla proceduralità.. da quanto visto è una proceduralità progettata male. Perchè ti invito a vedere i video di creature a forma di peni saltellanti... escon fuori creature goffe e disarticolate, abomini. E questo perchè le creature andrebbero animate una ad una, loro hanno schiaffato teste/arti/busti/ali ad cazzum, senza armonia e senza filo logico. La proceduralità funziona bene in quella fìgata di the binding of isaac, per quanto diversissimo, non in NMS.
    Poi ho visto le '''razze aliene''''. Ma davvero son quei tizi col tablet in mano? Che non fanno altro che starsene lì a leggere il tablet e hanno un'interazione minima col giocatore? Mah..
    Più in generale comunque dico che moltissimi hiochi hanno avuto falsa pubblicità. Giustissimamente hai citato i trailer di watch dogs e tw3, ci aggiungo bioshock infinite (da un vecchio trailer si vedevano fìgate di interazione con elizabeth poi non fattibile nel gioco vero e proprio). Solo che lì gli si perdonava tutto perchè erano comunque dei videogiochi, divertenti e ben fatti.. in NMS vedo un gameplay fine a sè stesso, non divertente, senza mordente, moscio. E la cosa del centro dell'universo è la peggior trollata da far invidia a Kojima xD
    Purtroppo in questa gen fra mgsV eccellente ma con contenuto tagliato, patch da 4gb al dayone, always online su giochi single player c'è tanto da soffrire da appassionati. L'unico motivo per cui vado avanti è che di roba interessante ce n'è e se ne vede tanta all'orizzonte (horizon, nioh, nier automata, god of war, kh3, ff xv, solo per citarne alcuni che poi ovviamente variano in base ai gusti)

    Nota a margine: ho letto che la tuta si può potenziare fino ad avere 48 slot mi pare. Come hai fatto a sopportare di avere soli 7 slot per 100 ore?? Sei un masochista xD

    RispondiElimina
  2. Io non ho mai capito l'hype dietro questo gioco. Ho seguito poco la vicenda e le promesse fatte, però ammetto che è quel genere di gioco che scarto subito dalla lista acquisti appena lo vedo. Ha tutti gli elementi che in genere odio in un videogame: prima persona, spazio, gameplay ridotto all'osso, nessuna sfida apparente, probabile noia dopo un paio di ore.

    Aku però pure tu, 100 ore su sto gioco che ti annoiava, bho XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il concept era: esplorare pianeti ignoti ed, in teoria, ognuno diverso dagli altri (ognuno con un suo tipo di fogliame, clima, tossicità, fauna ecc). Però appunto: senza una trama da seguire o uno scopo definito. È proprio un genere, quello degli space simulator (ce ne sono tanti ma stanno più che altro su pc!)
      Si pure per me il ganeplay o comunque un obiettivo devono esserci un un videogame! Però a 10 euro io lo recupererò perché artisticamente mi piace (se imbrocchi il pianeta giusto xD) e ho pure letto di un'ottima soundtrack. Più di 10 euro non glieli dò però! Comunque pensavo che sarebbe stato perfetto come titolo di lancio per la VR!!

      Elimina
    2. Credo che quello che hai sottolineato sia l'esatta verità che sta alla base del titolo: "Se imbrocchi il pianeta (o la costellazione) giusta" NMS è una esperienza davvero unica. Il problema è appunto fidarsi completamente e abbandonarsi. Per un completista questo gioco è una maledizione.

      Elimina
    3. Ryo, qualcosina in meno di 100 ore. Ma ho voluto sondare per bene il cosmo prima di piazzare una lapide stellare sul titolo.
      Non volevo che qualcuno sfoderasse le tipica frase "50 ore non bastano".
      Ne ho fatte forse 70.

      Elimina
  3. ahaha hai espresso il nostro stesso parere in sede di recensione. Fortunatamente su pc i modder stanno già correndo ai ripari fornendo contenuti validi. Indubbiamente un'occasione mancata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una cosa bella...oppure no? Questo non mi è del tutto chiaro.
      Scherzi a parte, giungere ad una conclusione simile mi pare la soluzione più sensata, guardando cosa abbiamo di fronte.
      Un insieme di aspetti me l'hanno fatto precipitare, credo sia una gioco troppo soggetto alla fortuna e alla casualità per imprimersi a fondo. Ho visto "run" a NMS davvero incredibili, che hanno fatto sbarcare il novello pilota/esploratore su una serie di pianeti davvero entusiasmanti, sia per panorama che per razze aliene. Per molti invece, solo pianeti marroni. Ed è proprio in questo aspetto di "proceduralità" assolutamente casuale e fortuita che il gioco non conferisce un'attrattiva convincente. Non si tratta di un gioco fallimentare, ma di un gioco che può diventarlo da un momento all'altro.

      Elimina