martedì 11 luglio 2017

PAGELLONE - Sine Mora

PC | SWITCH  | PS3 | XBOX 360 | iOS | ANDROID | PSVITA

In occasione dell'arrivo della versione EX su Nintendo Switch, riscopriamo Sine Mora (versione originale), shoot em up a scorrimento frutto della collaborazione fra il team giapponese Grasshopper Manufacture ed il magiaro Digital Reality.

...Promosso o bocciato??....





Sine Mora fa inevitabilmente contenti tutti i videogiocatori di vecchia data. Rispetto al classico shoot em up frenetico nipponico il ritmo di gioco è molto più pacato e riflessivo, ma altrettanto pieno di patos visto il grado di attenzione alto costantemente richiesto considerando che bastano poche leggerezze per perdere secondi dunque crediti.
Il fulcro del gioco incentrato sull'inesorabile scorrere del tempo obbliga a restare sempre in movimento equilibrando attacchi offensivi e schivate.
Distruggendo nemici si guadagnano secondi preziosi, venendo colpiti o urtando lo stage ci verranno sottratti, a countdown terminato si perderà un credito. Persa una vita il gioco riparte dall'ultimo checkpoint mantenendo intatti il punteggio fin lì racimolato.
Una volta persi tutti i crediti, tutt'altro che improbabile, incomberà il Game Over obbligando a ricominciare il livello dall'inizio.



Nella modalità storia per schivare viene in aiuto il comando speciale Velocizza che rallenta il tempo a tutto ciò che ci circonda, da gestire e non abusare essendo legato ad una barra ad esaurimento.
Altri due poteri speciali da scegliere di equipaggiare ad inizio livello e sempre legati ad una barra ad esaurimento sono disponibili nelle modalità Arcade, Attacco a Punti e Addestramento Boss.
Riavvolgi permette di tornare indietro nel tempo e Riflesso non è altro che la classica barriera protettiva.
Non mancano nemmeno i power up classici del genere che migliorano velocità e potenza di fuoco ottenibili distruggendo i nemici e che, venendo colpiti, perderemo disperdendosi nello stage.
Livelli ben progettati con frequenti scontri con boss e percorsi ostili completano un quadro di assoluto spessore.





La mappatura dei controlli è ottimale ed intuitiva, molto pratico il tasto per scorrere velocemente i filmati. Interfaccia a schermo chiara, pulita e pratica.







La storia ambientata in un mondo in eterno conflitto, sconvolto da continui eventi sismici, con tanto di vendette e scontri razziali e sociali. Pur narrandosi solamente tramite schermate prima dell'inizio di ogni livello livello e dialoghi radio riesce a far riflettere e a trasmettere un notevole clima bellico, ricordandoci che anche ai giorni nostri le parole bastano a suscitare emozioni.
Bontà narrativa rara per il genere, tanto più sorprendente visto che si tratta di un titolo only digital delivery.
I personaggi antropomorfi si dimostrano contrariamente alle apparenze estremamente attinenti e centrati col contesto maturo e drammatico della trama, risultando un riuscito elemento caratteristico e vincente del gioco.







Quando ci sono di mezzo i Grasshopper Manufacture ci troviamo sempre a parlare di stile e di direzione artistica non a caso, cambiano genere, obbiettivi e design eppure il risultato è sempre fortemente carismatico e brillante.
Tutto dai loghi, alle ambientazioni, ai suoni, al character design si amalgama alla perfezione regalando un gioco dalle percezioni uniche.

Lode anche al team europeo Digital Reality, responsabile dello sviluppo “fisico” del gioco, un titolo in cui si fondono alla perfezione Giappone ed occidente.






Una realizzazione tecnica decisamente sopra la media per il genere.
I disegni di mastro Mahiro Maeda sono stati trasposti con abilità su computer regalando maestosi artwork in movimento. La dinamicità degli sfondi regala panorami vivi ed avvolgenti, facendo venir meno la sensazione di essere relegati su due dimensioni.
Peccato solo che lo schermo sia ridotto da due vistose bande orizzontali.







Akira Yamaoka, se ci fosse ancora bisogno, si conferma un'artista dalle doti pazzesche, i suoni metallici e malinconici che ha scelto per questo Sine Mora accompagnato splendidamente l'avventura contribuendo in modo determinante a ricreare il clima bellico del gioco. Colpo di classe la scelta di doppiare il gioco in ungherese, lingua madre del team Digital Reality.





Il gioco è privo di qualsiasi modalità multigiocatore e per terminare lo story mode a livello normale si impiegano appena dalle 2 alle 3 ore. Ma d'altronde uno shoot'em up punta tutto sulla rigiocabilità e Sine Mora con i vari livelli di difficoltà, le modalità single player aggiuntive Arcade, Attacco a Punti e Addestramento Boss, gli achievemet molto impegnativi da conseguire e le classifiche online raggiunge un monte ore potenzialmente elevatissimo.



CONSIGLI PER GLI ACQUISTI

Sine Mora è un acquisto obbligato per ogni fan di shoot'em up bidimensionali.
Il gioco è fatto su misura per il giocatore esperto che non potrà che trovare tanta sfida grazie ad un livello di difficoltà aspro e tante ore di divertimento.
Per i novelli del genere, considerando il livello di sfida alto anche giocando a normale, non è ideale, tuttavia data l'indubbia qualità del titolo ed il prezzo contenuto è difficile sconsigliarlo......visto mai sbocciasse un amore.



2 commenti:

  1. come mai la grafica del vostro layout è così povera?
    scusate se mi permetto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, puoi permetterti :D.
      Gamer May Cry essendo un progetto amatoriale è privo di budget. Come noterete sfogliando le pagine del blog, non trovate alcuna pubblicità o campagna fondi (Patreon), ma per incrementare servizi e grafica servono investimenti, che al momento non siamo in grado di sostenere.
      E' comunque nostro impegno migliorare qualità di contenuti e servizi (look grafico incluso) di pari passo all'espanzione del blog ed in questo potete darci una mano aiutandoci nella pubblicità a partire dalla condivisione dei nostri articoli sui social network.
      Grazie.

      Elimina