-->



sabato 31 marzo 2018

Super Mario Odyssey - un plattform che Cap-tura


CONSOLE      SWITCH
GENERE            PLATTFORM
TESTI/AUDIO    ITALIANO
RELEASE
      27 ottobre 2017
PEGI                    3+




COMMENTI AUTORI (1)

Capitan Brod Brega
5/5

Super Mario riesce ancora una volta a stupire mutando dall’identità scelta nelle ultime apparizioni per virare su un’ esperienza basata più sull’esplorazione come fu in Super Mario 64, qui ampiamente omaggiato.
La rivoluzione Cappy, il cappello di Mario che permette di impossessarsi delle sembianze di oggetti e nemici, è sconvolgente, aprendo soluzioni di level design da pelle d’oca.
Una vera e propria esplosione continua di creatività ed originalità che rende instancabile la scoperta di nuove zone.
La grande quantità di Lune sparsa per per i livelli, molto più vasti che in passato e come sempre ispiratissimi, fa si che nell’avanzare non si resti mai per molti minuti senza riuscire, il conseguente appagamento invoglia a restare incollati allo schermo pronunciando per ore ed ore il proverbiale “Prendo l’ultima Luna poi spengo”.
Il livello di difficoltà è perfettamente bilanciato, permettendo a chiunque di giungere allo scontro con Bowser, ma nasconde molte insidie nel mastodontico post game (dall’affronto inevitabile per poter affermare di aver giocato a questo Super Mario).
L’enorme numero di collezionabili, di sfide e le tonnellate di aree nascoste, rendono l’ impresa di trovare tutte le 836 Lune impegnativa, nonché super longeva.
Molto molto simpatica la premessa che vuole Bowser in procinto di sposare Peach, con siparietti comici più riusciti che nei recenti giochi del baffuto idraulico.

IN DEFINITIVA Super Mario Odyssey è un must have, un gioco che da solo giustifica l’acquisto di una console a qualsiasi prezzo. Ennesimo capolavoro di Nintendo.

3 commenti:

  1. Per me il gioco è un capolavoro ed un must per i possessori di una Switch (l'ho letteralmente amato e divorato con un 100% ottenuto in oltre sessanta ore di gioco).
    Però presenta a mio avviso anche numerosi difetti e problematiche da segnalare:
    Vero che i precedenti Mario 3D non sono mai stati titoli difficili o impegnativi, ma qui la sfida è ulteriormente calata ed è relegata più che altro a pochi specifici livelli sbloccati dopo aver finito la 'storia': allo stesso modo il moveset sconfinato di Mario (che grazie a Cappy può vantare i migliori controlli della serie 3D a mani bassissime) non viene sfruttato mai in maniera decisiva e convincente.
    Una certa parte delle lune totali (la cosa è soggettiva, per me un 15% circa) presenta microattività e azioni ben poco stimolanti (come parlare con determinati NPC, eseguire una schiacciata su punti ben illuminati, prendere lune in bella vista, eseguire incarichi ripetuti fra i vari mondi/ripetitivi ecc) che portano alla questione collectathon: per me han calcato un pò troppo la mano sulla quantità, si sarebbero ottenuti risultati migliori diminuendo le lune totali e riarrangiando le altre, magari in modo da evitare di dare lo stesso valore a lune bellissime da ottenere e lune più banali/semplicistiche.
    Infine il postgame è stato gestito così e così: comprende lune di gran valore ma comprende anche lune da 'tutorial', estremamente basilari e messe per far numero, quando nel postgame non dovrebbe esserci più spazio per i tutorial.
    Nonostante tutto questo... il gioco è incredibile per Ost, art design, allargamento dell'universo 'Mariesco' con nuov ambientazioni e popoli fin da subito iconici, costruzione e level design dei mondi (alcuni sono migliori di altri ma mediamente la qualità è molto alta), polishness (cura enorme nelle collisioni, hitbox e funzionamento letteralmente perfetto ed 'as intended' di ogni singola cap-tura del gioco), unicità dei mondi (davvero tutti diversissimi fra loro), dinamismo dei mondi (che si ripopolano dopo determinati eventi/hanno delle varianti talvolta climatiche dopo averli completati ecc. Nulla di innovtivo per il medium, ma novità assolute per la serie), varietà complessiva, boss fights (a mani bassissime le migliori della serie, a parte tre Broodals su quattro, anche se qui è più per demerito dei precedenti capitoli dei quali giusto Galaxy tiene botta su questo aspetto) ed infine ritmo della 'trama', che qui ho trovato in forma più smagliante rispetto al passato nonostante le premesse ovviamente analoghe (merito anche di un eccellente finale perfettamente in linea con il mood del gioco)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La questione "troppe lune"la condivido , ma secondo me complice la portatilita' di Switch hanno voluto puntare sull'offrire una montagna di motivi per giocare il titolotitolo lung,anche con mini sessioni,non a caso tante lune sono di rapida cattura.
      Però non mi ha dato fastidio, Odyssey punta molto sull' osservazione ed anche se spesso non sono necessari dei salti impegnativi l'ho trovato coerente e piacevole rispetto alla tipologia di intrattenimento che il gioco punta ad essere in questo capitolo.

      Elimina
  2. Indubbiamente la scelta di inserire così tante lune è dovuta a quanto dici ed al garantire una enorme densità di 'cose da fare' per ogni centimetro calpestabile di ognuno dei mondi (infatti densità e varietà toccano vertici altissimi).
    Solo speravo in un bilanciamento un pò diverso e in un pò più sfida nei salti (ma come già detto questo è un Mario esplorativo ed il focus non è sul platform puro, quello me lo aspetterei da un 3D World 2 o Galaxy 3 che vorrei tanto vedere in un'alternanza continua esplorativo/platform puro e così via! Anche se il prossimo con ogni probabilità sarà un capitolo 2D, che di certo non disdegno!)

    RispondiElimina